Migliorare le prestazioni del PC con Windows 10

di | 27 Aprile 2020
Come accellerare windows
Dai una spinta a Windows 10

1. Assicurarsi di disporre degli aggiornamenti più recenti per Windows e i driver di dispositivo

Uno dei modi migliori per ottenere il massimo dal tuo PC è quello di assicurarsi di avere installato l’ultima versione di Windows 10. Quando controlli la disponibilità di aggiornamenti, il PC cercherà anche i driver di dispositivo più recenti, il che può anche contribuire a migliorare le prestazioni del PC.

2. Riavviare il PC e aprire solo le applicazioni necessarie

Avere molte applicazioni, programmi, browser web, e così via aperto in una sola volta può rallentare il PC. Avere un sacco di schede del browser aperte in una sola volta può anche rallentarlo un bel po ‘. Se questo sta accadendo, chiudere tutte le applicazioni, schede del browser, ecc, che non è necessario e vedere se questo aiuta ad accelerare il PC. Se non sembra aiutare, riavviare il PC e quindi aprire solo le applicazioni, programmi e finestre del browser che ti servono.

3. Utilizzare ReadyBoost per migliorare le prestazioni

ReadyBoost consente di utilizzare un’unità rimovibile, come un’unità flash USB, per migliorare le prestazioni del PC senza aprire il PC e aggiungere più memoria (RAM). Per utilizzare ReadyBoost, avrai bisogno di un’unità flash USB o di una scheda di memoria con almeno 500 MB gratuiti e una velocità di trasferimento dati elevata.

4. Assicurarsi che il sistema gestisca le dimensioni del file di paging

Il file di paging è un’area del disco rigido utilizzata da Windows come memoria. C’è un’impostazione in Windows 10 che gestisce automaticamente le dimensioni del file di paging, che può aiutare a migliorare le prestazioni del PC.

5. Verificare la presenza di spazio su disco insufficiente e liberare spazio

È possibile migliorare le prestazioni se si libera spazio su disco nel PC.

6. Regolare l’aspetto e le prestazioni di Windows

Windows 10 include molti effetti visivi, ad esempio animazioni ed effetti di ombreggiatura. Questi sembrano grandi, ma possono anche utilizzare risorse di sistema aggiuntive e possono rallentare il PC. Ciò è particolarmente vero se si dispone di un PC con una minore quantità di memoria (RAM).

7. Sospendere la sincronizzazione di OneDrive

Le impostazioni del PC consentono di scegliere dove salvare i file per impostazione predefinita. Per impostazione predefinita, è possibile salvare i file nel PC o in OneDrive e sincronizzare i file tra i due percorsi. Ciò consente di accedere ai file da qualsiasi dispositivo in grado di connettersi a Internet e consente di assicurarsi che venga eseguito il backup dei file nel caso in cui il PC sia mai danneggiato o perso. Tuttavia, i file devono essere sincronizzati tra il PC e OneDrive e la sincronizzazione può rallentare il PC. È possibile sospendere temporaneamente la sincronizzazione di OneDrive e verificare se consente di migliorare le prestazioni del PC.

8. Disattivare i programmi di avvio non necessari

Quando si accende il PC, alcuni programmi vengono avviati automaticamente ed eseguiti in background. È possibile disattivare questi programmi in modo che non vengano eseguiti all’avvio del PC.

Molti programmi sono progettati per l’avvio automatico quando Windows lo fa. Non ti rendi conto che stanno correndo, ma si apriranno rapidamente quando vai a usarli. Questo è utile per i programmi che usi molto, ma non per i programmi che non usi spesso perché aumenta il tempo necessario per l’avvio di Windows.

9. Controllare e rimuovere virus e malware

Un virus, malware o software dannoso potrebbe causare un lento esecuzione del PC. Altri sintomi includono messaggi pop-up inaspettati, programmi che si avviano inaspettatamente automaticamente, o il suono del disco rigido costantemente funzionante.

Il modo migliore per gestire virus e software dannoso è quello di cercare di prevenirli eseguendo software antimalware e antivirus e mantenendolo aggiornato. Tuttavia, anche se si prendono precauzioni, il PC può ancora essere infettato.

È possibile eseguire la scansione del PC alla ricerca di virus o altro software dannoso utilizzando Windows Security (in precedenza Windows Defender Security Center), incluso in Windows 10. Per altre info, vedi Come proteggere il tuo PC Windows 10.

10. Ripristinare il PC da un punto di ripristino del sistema

Il ripristino del PC annulla le modifiche recenti che potrebbero causare problemi. Se ritieni che un’app, un driver o un aggiornamento per Windows installato di recente possa causare problemi, potresti ripristinare il PC in un punto precedente, denominato punto di ripristino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *